Turismo Molise : Cosa vedere


L’itinerario alla scoperta del territorio inizia da Campobasso, centro ricco di storia e cultura, dominato dall’imponente Castello Monforte. Di particolare rilievo è il Museo Provinciale Sannitico, che espone pregevoli testimonianze delle civiltà che hanno popolato il territorio dalla protostoria al periodo sannitico.

 

Interessante il centro storico di Isernia, con la duecentesca Fontana, le Chiese di Sant’Antonio Abate e di San Giorgio e l’antichissima area preistorica, situata appena fuori dall’abitato.

Meritano una visita due piccoli centri che ancora oggi tramandano antiche attività artigianali: Agnone, specializzata nella creazione di campane per le più importanti chiese del mondo, e Scapoli, il paese delle zampogne, alle quali è dedicato un Museo.
 
Importanti i siti archeologici, tra cui il sannitico Pietrabbondante con il suo bellissimo teatro, le rovine dell’abitato romano di Sepino, e l’incantevole Larino, che unisce ai pregevoli resti romani un magnifico esempio di arte medievale: la cattedrale in stile romanico-gotico.
 
Cittadine di particolare rilievo sono Termoli,località turistica e porto, con il maestoso Castello Svevo con il Duomo romanico, e Venafro con il Castello Pandone, la Cattedrale romanico-goticae reperti archeologici di età romana e pre-romana.
 
Numerosi i castelli presenti sul territorio, tra cui quello di Pescolanciano, le abbazie e i santuari, tra cui la Badia benedettina di San Vincenzo al Volturno, il Santuario dell’Addolorata di Castelpetroso, il Santuario di Canneto a Roccavivara. Splendidi esempi di architettura romanica sono, infine, la Chiesa di San Giorgio a Petrella Tifernina e la Chiesa di Santa Maria della Strada a Matrice.
  • Condividi: