Turismo Emilia Romagna : Cosa assaggiare


Il viaggio lungo le radici di questa regione porta in tante direzioni e una di queste è l’arte del gusto. Il viaggio è ricco di sapori forti e raffinati, da quelli contadini dell’Emilia a quelli marinari della Romagna, passando attraverso la laguna delle Valli di Comacchio con le sue conosciute anguille.
 
Scoprire questa regione vuol dire assaporare il frutto della sua tradizione, attraverso il tipico erbazzone, una torta salata con spinaci, o i pisarei e faso, piccoli gnocchi con fagioli del piacentino, per non parlare dei tortelloni, agnolotti e ogni tipo di pasta arricchita da ripieni, aromi e sapori.
 
A Bologna facciamo tappa per gustare la mortadella, da gradire, perché no, con la famosa piadina.
 
Sovrano indiscusso della tavola di Parma, ma noto e gustato in tutto il mondo, è il Prosciutto di Parma, colonna portante del tempio dell’enogastronomia italiana che insieme al meraviglioso formaggio grana e all’ormai leggendario Parmigiano Reggiano fanno della regione un vanto a misura di buongustai.
 
Altro fiore all’occhiello della regione, è il vino. Dal Gutturnio, frutto dei Colli Piacentini al Trebbiano passando per il Lambrusco, Barbera, Sauvignon e Sangiovese.
 
  • Condividi: